VENTO (2013) - CAI Este - gruppo MTB

Vai ai contenuti

Menu principale:

VENTO (2013)

 
Dal PEDALAITALIA a VENTO

Centocinquanta anni fa nasceva ai piedi del Monviso il nostro glorioso Club: all’alpinismo dei primi tempi si sono via via aggiunte molte altre attività, l’ultima delle quali è il cicloescursionismo.
Da pochi appassionati nei primi anni, ora siamo molti di più ed abbiamo dato vita di anno in anno ad un numero sempre crescente di escursioni, culminate con la spettacolare staffetta del PedalaItalia (*): 53 sezioni e centinaia di soci hanno portato da Trieste a Reggio Calabria le bandiere testimoni, un tricolore italiano ed un vessillo bianco-azzurro del CAI, salendo e scendendo tutte le montagne italiane.
Ora è il momento del 150° compleanno: per continuare nel solco del PedalaItalia è stato avviato il progetto "Alle sorgenti del CAI in punta di pedale" che prevede in calendario 180 cicloescursioni di cui 6 interregionali, da parte di 89 sezioni distribuite in 19 regioni. Tra di esse, la mia sezione di ESTE organizzerà VENTO: una pattuglia di sette nostri soci, partendo da Venezia il 28 settembre 2013, risalirà in una settimana tutti gli argini sterrati del fiume Po per giungere a Torino il 5 ottobre, in coincidenza con la Festa Nazionale che concluderà le celebrazioni ufficiali.
Sarà l’occasione per pedalare di nuovo con le bandiere del Pedalaitalia spiegate al VENTO (scusate il gioco di parole!) e consegnarle definitivamente al Museo della Montagna al Monte dei Cappuccini.
Perché lungo il PO? Primo motivo, per pubblicizzare il progetto VENTO che il Politecnico di Milano ha lanciato per realizzare una grande pista ciclabile che unisca Venezia a Milano e Torino:  andare in bicicletta non è un capriccio di categoria, ma è uno dei modi per muoversi, viaggiare, andare a lavorare e a studiare.
Le ciclovie non sono accessori di una società agiata o di una cultura che non ci appartiene, ma sono  infrastrutture come le altre, idonee  per tutte le culture.
VENTO non è un progetto locale, ma un progetto del Paese: sono 679 km di pista ciclabile, ma sono anche 679 km di green economy e potenziale crescita dell'economia.
I 40.000 km di ciclabili tedesche producono 8 miliardi di euro di indotto all'anno, stabilmente: centinaia di migliaia potrebbero essere i nuovi flussi di turisti lungo VENTO, che diverrebbero il motore per tante economie diffuse  e per far ripartire la crescita... ed anche il CAI può fare la sua parte con queste manifestazioni.
Secondo motivo, ma di pari importanza: lungo il corso del fiume più lungo d’Italia ci andremo perché vi sono moltissime sezioni del Sodalizio e molti soci appassionati di bicicletta potranno unirsi a noi in singole tappe di una giornata e le sezioni organizzare manifestazioni di contorno.
Percorreremo gli argini sterrati del grande nastro d’acqua, su percorsi ottimi per il cicloescursionismo e adatti a tutti,  incontrando città d’arte, borghi suggestivi, monumenti dell’archeologia industriale e splendidi ambienti naturali: durante il tragitto toccheremo Chioggia, Adria, Ferrara, Ostiglia, Mantova, Cremona, Piacenza, Pavia, Voghera, Alessandria, Casale Monferrato, Chivasso, coinvolgendo oltre alle sezioni CAI anche le amministrazioni comunali e le televisioni locali; una media di cento chilometri in sella al giorno che ci porterà a Torino in tempo per partecipare alla festa nazionale, prevista per il 5 ottobre.
Ma che c’entra il CAI con il fiume Po? A parte che proprio alla sorgente del grande fiume è nato il nostro club, riteniamo che uno degli scopi della nostra associazione "…la conoscenza e lo studio delle montagne… e la difesa del loro ambiente naturale …
" sia ormai da intendere in senso più ampio, tale da permettere al nostro sodalizio di impegnarsi anche in battaglie di civiltà come questa.
Sposando questa impostazione, il CdC nella riunione del 22 marzo scorso ha concesso il patrocinio del CAI al progetto VENTO.
E’ per queste ragioni che chiediamo ai soci di pedalare numerosi con noi: i link e i particolari li troverete nella presente pagina web.
Buone pedalate a tutti, !

il coordinatore del gruppo
Claudio Coppola


(*)= Vedere sito http://www.bike8000.it/pedalaitalia/diario_tappe.htm

Sito aggiornato al: 30/09/2017
Torna ai contenuti | Torna al menu